Skip to main content

Una storia di belle auto, motori, imprenditoria, ma soprattutto di corse!

Testimonianza della “memoria storica” Ermanno Cozza (di Fabrizio Ferrari)

YouTube player

Centodieci anni sono un periodo di tempo lunghissimo, soprattutto se lo rapportiamo a quanto velocemente le cose cambiano al giorno d’oggi.

Tuttavia, ci sono aziende come la Maserati che, anche dopo un periodo di tempo cosí ampio, non solo non hanno rinnegato le loro origini, ma ne portano avanti anche lo spirito, ovviamente proiettandolo al futuro.

Per capire meglio quale sia questo spirito, non abbiamo certo la pretesa di ricostruire in modo esaustivo un periodo cosí esteso di storia.

Ecco perchè abbiamo pensato di chiedere all’unica persona che, più a lungo di chiunque altro, di questa storia ne ha fatto parte, vivendone una fetta davvero importante, sempre da dentro e soprattutto con uno spirito aziendale, che definire unico pensiamo sia persino riduttivo.

Ci riferiamo a colui che oggi, giustamente, é unanimamente considerato la “memoria storica” della Maserati: Ermanno Cozza, 91 anni ben portati, ancora con una memoria lucidissima e vivida, degli oltre 70 anni che ha vissuto all’interno e comunque sempre in nome della Casa del Tridente.

Assunto nel lontanissimo 1951, subito dopo il diploma di perito meccanico, oltre ad aver conosciuto personalmente alcuni dei fondatori, i fratelli Maserati, ha ricoperto in azienda diverse mansioni: dal tecnico motorista, sino ad attività di pubbliche relazioni e comunicazione, ma soprattutto letteralmente “salvando” dall’oblio (e dalla distruzione) quello che oggi é uno dei beni maggiormente preziosi dell’azienda, vale a dire l’archivio storico, più volte a rischio nel corso dei vari passaggi di proprietà e relativi “scossoni”, nella lunga storia della Maserati; ma che, fortunatamente, ha sempre avuto nel più che lungimirante Cozza, un custode sicuro ed affidabile, oltre che prezioso!

Ma andiamo a sentire direttamente da Ermanno Cozza la storia, aprendo così quello che è certo il tesoro nascosto più prezioso: il suo archivio personale di ricordi.

Come ho conosciuto la maserati

“Ho tanti bei ricordi della mia gioventù, quando ho iniziato a conoscere la Maserati.

… POTETE CONTINUARE A LEGGERE LA TESTIMONIANZA NELPROSSIMO “MENUDEIMOTORI” NUMERO 27 (disponibile da fine settembre)